Massacri


Due coppie di genitori ed una casa.
E’ tutto ciò di cui ha avuto bisogno Roman Polanski per portare alla luce quel che, in famiglia, si tace per convenienza, o per essere politicamente corretti a dispetto di ogni emozione autentica.
Finzioni, antipatie a pelle nascoste dietro sorrisi ipocriti, crisi interne seppellite sotto un tappeto di modi formali e malesseri taciuti pefino a se stessi.
Il pretesto è una lite un po’ violenta fra due ragazzini come tanti.
I quattro genitori si incontrano a casa del bambino colpito con una mazza sui denti, ed è divertente assistere al crescendo di alterazione generale  che scaturisce dall’aver voluto comprimere sentimenti umanissimi come rabbia, risentimento, diffidenza.
Viene spontaneo pensare alla massima saggia secondo la quale mamma e papà non dovrebbero entrare mai, o quasi mai, nelle liti dei propri figli.
Cast noto, professionale ed efficacissimo; impareggiabile Cristoph  Waltz, al quale pare debba toccare sempre il ruolo dello stronzo più stronzo di tutti.
Oggi marito in carriera dalla faccia strafottente e dai modi cinici. Ieri colonnello spietato delle SS con Quentin Tarantino.

settembre: 2011
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
persone
Please do not change this code for a perfect fonctionality of your counter persone
contatore
Image by FlamingText.com
Image by FlamingText.com